Radioamatori Marinai, una realtà italiana

L’intervista ad Alberto Mattei IT9MRM, Presidente e Fondatore dell’ARMI (Associazione Radioamatori Marinai d’Italia)

Ciao Alberto, grazie per aver accettato il mio invito a rispondere alle mie domande per i lettori di DxCoffee.

AUH: Come è nata questa associazione, ARMI?

MRM: LARMI è un progetto nato da una mia idea nel 2001 e corrisposta da un paio di Sottufficiali della Marina Militare (anchessi radioamatori).

AUH: immagina che io sia un profano, che io non sappia nulla di radio, e ti chiedessi: “a cosa serve l’ ARMI?” Cosa mi risponderesti?

MRM: LARMI è una associazione che racchiude fondamentalmente gli stessi principi dellANMI (Associazione Nazionale Marinai dItalia) e serve principalmente ad associare  radioamatori che abbiano prestato servizio  militare o che siano ancora in servizio presso la Marina Militare o iscritti alla Gente di Mare e quindi naviganti presso la Marina Mercantile. Inoltre possono iscriversi anche radioamatori che pur non facendo parte della Marina siano in servizio o abbiano prestato servizio in altre Forze Armate ma con componenti marittime (Guardia di Finanza di Mare,  Polizia di Mare, Carabinieri di Mare, Lagunari, Vigili del Fuoco componente marina, ecc.).  Quindi sostanzialmente è unassociazione che raccoglie in una unica sigla tutti i radioamatori di Marina.

AUH: L’ARMI è organizzatrice di molte manifestazioni, a quale è più legata?

MRM: Sicuramente a quella che lha fatta conoscere ai vertici dello Stato Maggiore Marina, ovvero lultima ammaina bandiera dei due Cacciatorpedinieri lancia missili Ardito ed Audace, nel porto militare di La Spezia (2006), i lettori si ricorderanno sicuramente dei due nominativi usati, erano II1ARD (Nave ARDITO) e II1ADU (Nave AUDACE).

AUH: come si diventa ARMIgero?

MRM: Basta veramente poco per esserlo, chiediamo principalmente amore verso il MARE e la RADIO, un connubio che è fondamentale per diventare membro dellARMI.

In primis possono partecipare tutti quanti, le modalità sono semplici, basta compilare on-line sul nostro sito istituzionale il FORM in tutte le sue parti ed inviarlo automaticamente via mail, oppure scaricarlo in formato documento compilarlo e spedirlo allindirizzo riportato a tergo del foglio. Appena ricevuta la documentazione, se il candidato è un NAVAL ovvero appartenente alla Marina Militare/Marina Mercantile o altre FF.AA. con componente marittima gli verrà rilasciato  un numero sequenziale; se invece è un ASSOCIATO, ovvero un radioamatore che non è mai stato nelle FF.AA. componenti navali, gli verrà rilasciato un numero sequenziale preceduto dalla lettera A/; tutti i numeri rilasciati sono  progressivi, chi riceve la lettera A da ASSOCIATO, ha diritto, come tutti gli altri a far parte dellequipaggio dellARMI e può candidarsi sino a Coordinatore di Sezione, mentre chi è NAVAL  può sperare anche a candidature più elevate (come Coordinatore di Provincia, di Regione o Dipartimentale)  sino a Coordinatore Nazionale. Liscrizione al nostro sodalizio è totalmente GRATUITA e non è richiesto nessun contributo per rinnovi annuali!

AUH: qual è la cosa più bella che ti ha dato l’ ARMI?

MRM: Non c’è una cosa bella in particolare, è tutto bello quello che sino a questo momento ho  ricevuto dallARMI!!

AUH: qual è la cosa più bella che hai dato tu all’ ARMI?

MRM: Ho dato il massimo e continuo a dare il massimo per far conoscere a tutti il nostro sodalizio!

AUH: Potrei sembrare di parte, ma so benissimo, sono promotore di questo evento, che per il decennale dalla nascita di questa associazione ci sarà un grande evento, ne vuoi illustrare i punti salienti, visto che in un prossimo articolo ne parleremo in maniera dettagliata. DXCOFFEE è stata lieta di diventare media partner ufficiale.

MRM: Certo e per questo devo ringraziare il magazine DxCoffee per averci dato il placet a diventare partner ufficiale del nostro primo raduno nazionale.

La location di Taranto è sicuramente dovuta in quanto principale porto  della Marina Militare, quindi non potevamo scegliere di meglio per il nostro decennale e soprattutto per il primo raduno nazionale di tutti i Radioamatori di Marina. Sicuramente avremo moltissimi colleghi che verranno da tutta la Puglia e dalle regioni limitrofe, oltre  anche dalle isole e dal Dipartimento Nord, dove c’è la maggior concentrazioni di soci. I giorni prestabiliti sono il sabato 10 e la domenica 11 di Settembre; il sabato 10 sarà il giorno disposto per la conferenza e per la cena di gala che sarà svolta presso i locali del Circolo Sottufficiali della Marina Militare di Taranto. La conferenza verterà soprattutto sul nostro sodalizio dove espliciterò in breve il resoconto delle attività effettuate nei dieci anni di storia della nostra associazione, inoltre coglieremo loccasione di premiare i vincitori dellultimo Italian Navy Coastal Radio Stations Award 2011, il più popolare dei nostri contest dedicato alle stazioni costiere della Marina, oramai giunto alla sua quinta edizione. Si concluderà il tutto la Domenica con la prima colazione e la foto di gruppo. Sarà attivata alloccorrenza nel periodo del raduno una stazione radio speciale con un nominativo speciale II7ARMI che sarà a disposizione di tutti i colleghi Radioamatori di Marina per far conoscere al mondo intero la nostra attività, e sarà approntata una speciale QSL dedicata proprio al raduno ed al nostro decennale.!

AUH: siete stati promotori di importanti “Friendships” per aiutare le popolazioni colpite da tremende catastrofi, quale è stata la risposta degli altri gruppi/associazioni coinvolte.

MRM: Il FRIENDSHIPS è un appuntamento annuale voluto con gli amici di INSUBRIA RADIO CLUB che si sono prodigati nel sostenere questo diploma a scopo solidale. Purtroppo non tutte le associazioni hanno colto il significato, il primo appuntamento è stato abbastanza recepito (visto la novità hanno aderito le maggiori associazioni importanti nel contesto nazionale) ed abbiamo donato nel 2009 alla Protezione Civile per i terremotati dellAbruzzo circa 700 euro, a seguire nelle altre due edizioni, quella del 2010 per i terremotati di Haiti (350 Euro allUNICEF per i bambini di Haiti), mentre per gli alluvionati del Veneto del 2011 (400 Euro ad una parrocchia del Padovano). Purtroppo le adesioni sono state poche e soprattutto non si è colta lintenzione, che era quello di raccogliere più fondi per lo scopo invece di QSL e collegamenti vari!!! Inoltre volevo ricordare che oltre al FRIENDSHIPS, il nostro sodalizio dedica parte dei suoi pochi introiti allIstituto Andrea Doria, istituto che si occupa di bambini orfani di padri marinai deceduti in servizio o in missione di pace.

AUH: La MMI, cosa pensa del vs. Operato, tiene molto in considerazione ciò che fate? Oppure resta indifferente?

MRM: La Marina Militare, negli ultimi anni ha dato maggior enfasi alle attività propagandistiche soprattutto nel far conoscere la nostra FORZA ARMATA, in essa c’è un piccolo ma efficace consenso in quello che fa lARMI, soprattutto a scopo propagandistico. Si evidenzia molto invece linteressamento a livello di Dipartimento M.M. (vedasi Marisardegna, Maridipart La Spezia, Maristudi Venezia e Maridipart Taranto) dove i nostri soci hanno ottimi rapporti con i rappresentanti istituzionali dipartimentali della M.M. e dove avviene  la maggior attività radiantistica di tipo NAVAL.

AUH: Come immagini sarà l’ ARMI in occasione del suo ventennale?

MRM: Non ho la minima idea godiamoci il decennale!!!

AUH: Ci piacerebbe conoscere un tuo giudizio su DxCoffee?

MRM: Semplicemente Fantastico”! Ho avuto modo di conoscerlo e di seguirlo tramite internet, valido sostituto dei più blasonati DX news oramai datati! Una ventata di giovinezza in un campo, quello della DX NOTICE che era diventata molto statica. Il presentare con interviste i principali HAM activities rende più avvincente e lo rende  paragonabile hai notiziari interattivi.

Bravi a tutti i collaboratori ed ai responsabili di DXCOFFEE per limpegno costante che date e per la buona riuscita di questo  ottimo prodotto Made in ITALY.

AUH: grazie Alberto, è stato un piacere, come si dice in gergo: “Vento in poppa e…”

MRM: in culo alla BALENA!

What Next?

Related Articles

Leave a Reply

Submit Comment

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi